Star Trek: TOS – S01E21, Il ritorno degli Arconti

star-trek-the-return-of-the-archons-3Episodio numero 21, Il ritorno degli arconti (The Return of the Archons, il titolo originale). Qui si esplora un tema che se vogliamo è già stato trattato in La Galileo (il ruolo della logica e quello delle emozioni) e c’è un problema già notato in Miri, cioè quello di ambientare l’azione in un set pre-esistente, in questo caso da primo Novecento con edifici semi-medievali con tanto di pietroni e torce senza un reale motivo. Evidentemente, quello passava la produzione in quel momento! Nonostante ciò, questo è un ennesimo episodio godibile che dimostra ancora una volta che Roddenberry avesse le idee chiare su come sviluppare la serie e darle una direzione chiara e consistente.

La USS Enterprise arriva al pianeta Beta III per cercare tracce della nave della Flotta Stellare Archon qui scomparsa cento anni prima. Sulu è in missione di ricognizione sul pianeta insieme a O’Neil (Sean Morgan) ma apparentemente sono stati scoperti e degli uomini con grandi tuniche marroni li inseguono con delle minacciosi armi tubolari. O’Neil riesce a scappare, sembra, ma Sulu viene colpito da una di quelle armi giusto prima del teletrasporto d’emergenza. A bordo dell’Enterprise, Sulu arriva in stato confusionale, farneticando sulla società del pianeta dicendo che è il paradiso.

A quel punto Kirk scende sulla superficie con un nutrito gruppo di sbarco che include anche il fido Spock e comincia ad investigare. Le persone di questo mondo sembrano vivere senza emozioni, con movimenti meccanici e ripetitivi, anche se pare ci sia un festival creato appositamente per sfogare tutti gli istinti costantemente repressi. Ben presto Kirk e gli altri si rendono conto che la gente di Beta III vive seguendo i dettami di tale Landru, che si sente parte di un unicum (che viene chiamato il Corpo, the Body), e che c’è un movimento di resistenza che prova a vivere in modo diverso. Grazie a un tale di nome Reger (Harry Townes) scoprono che l’Enterprise comandata da Scott (la lezione di Arena e del capitano che dovrebbe stare a bordo non è stata ancora imparata) è sotto attacco, così come lo fu l’Archon cento anni prima. Sta a Kirk, Spock e gli altri sulla superficie scoprire dove si trovi Landru e salvare sé stessi e la nave!

Se non si fosse capito, qui torniamo ad atmosfere abbastanza oscure e a tratti sconfiniamo dalla fantascienza allo horror, cosa che fino ad ora questa prima stagione di Star Trek ha dimostrato di saper fare molto bene. E questo è vero per la prima parte della storia. Nel finale invece ecco il twist un po’ reminescente de Il mago di Oz in cui si viene a scoprire che Landru altro non è che un antichissimo computer che comanda la società in maniera logica per massimizzare il benessere: nessun conflitto, nessuna emozione, nessuna passione… solo tanta freddezza che porta a pace e tranquillità. Eccolo quindi il paradiso menzionato da Sulu, un paradiso dove però la vita è un vero incubo! Kirk e Spock riusciranno a liberare gli abitanti del pianeta dal giogo di Landru facendolo andare in tilt con un’inconsistenza logica e se ne andranno dopo aver lasciato sulla superficie il sociologo Lindstrom (Christopher Held) un po’ come fece dopo aver lasciato il pianeta popolato da Miri e dagli altri bambini di qualche episodio fa. Interessante che Spock menzioni la Prima Direttiva, ma che Kirk lo zittisca dicendo che questa società morta va salvata dal delirio dettato da un computer vecchio di seimila anni. E tanti saluti alla non-interferenza!

Gli ultimi minuti dell’episodio saranno ancora una volta dedicati ad un siparietto comico con protagonisti Kirk e Spock, col primo che prende in giro il secondo per la sua mancanza di emozioni e il mezzo vulcaniano che nemmeno se ne accorge. Beh, almeno stavolta si possono fare due risate senza che sia morto nessuno dell’equipaggio nel processo! Insomma, un altro buon episodio (coi suoi difetti, naturalmente: il festival rimane una cosa un po’ tirata lì, qualche dialogo è troncato a metà senza nessuna ragione, e poi perché tutti questi alieni sono semplicemente umani?) che cementa i rapporti tra i due protagonisti della serie, Kirk e Spock, e che dà anche visibilità ai vari Scott, McCoy e Sulu nelle fasi più importanti della storia. E ora avanti tutta verso il prossimo episodio, che siamo in dirittura d’arrivo di questa prima stagione, quasi non mi sembra vero! Ciao!


Episodio precedente: Corte marziale

Episodio successivo: Spazio profondo


19 risposte a "Star Trek: TOS – S01E21, Il ritorno degli Arconti"

  1. Questo episodio è stato ben “rivisitato” a fumetti alcuni anni fa per il nuovo corso Trek ambientato nel cosiddetto Kelvinverse parallelo creato dagli ultimi film, con delle interessanti modifiche riguardo all’origine di Landru 😉

    Piace a 2 people

    1. Effettivamente una rimodernizzazione di alcuni aspetti delle storie raccontate nella serie classica può certamente funzionare, ma comunque io mi ci sto divertendo un sacco a più di 50 anni dalla sua uscita!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...